Strade più resistenti del 60% rispetto a quelle tradizionali asfaltate e 10 volte più economiche.
Utopia? No realtà. Sono le strade di plastica costruite grazie alla singolare idea dell’ ingegnere scozzese Toby McCartney la cui tecnologia permette di creare asfalto di alta qualità a partire dalla plastica riciclata.
Dall’immondizia nasce l’asfalto di plastica.
Le strade che oggi esistono richiedono una continua manutenzione. Allo stesso tempo i nostri mari sono inquinati da tonnellate di rifiuti plastici.
Due piccioni con una fava: più sicurezza del manto stradale e riduzione non solo dei costi ma dell‘inquinamento ambientale.
La Scozia ha già inaugurato la sua prima strada realizzata con questa nuova tecnologia progettata dalla start up MacRebur di cui McCartney è fondatore.
L’idea nasce durante un viaggio di McCartney nel sud dell’ India dove ha avuto modo di osservare gli addetti ai lavori che riempivano le buche stradali con rifiuti di plastica successivamente cosparsi di benzina e bruciati in maniera che riempissero il foro.
Da qui ha pensato di sostituire il bitume dell’asfalto con plastica riciclata convertita in pellet polimerici (MR6)
L’asfalto ottenuto da plastica riciclata è ormai una realtà.

Share This