I protocolli Wi-Fi cambiano nome.
Non più sigle alfanumeriche praticamente conosciute o quasi solo dagli addetti ai lavori ma nomi più semplici e comprensibili anche dal grande pubblico:
Wi-Fi 4, Wi-Fi 5 e dal primo trimestre di quest’anno benvenuto anche al nuovo standard Wi-Fi 6.
A decidere il cambio di nome per i vari protocolli è stata Wi-Fi Alliance, organizzazione dedicata allo sviluppo dei nuovi standard di rete wireless.


Edgar Figueroa, Presidente e CEO di Wi-Fi Alliance, ha dichiarato: “
Per circa due decenni gli utenti delle tecnologie Wi-Fi hanno dovuto utilizzare delle convenzioni sui nomi di natura tecnica per capire se i propri dispositivi Wi-Fi adottassero le ultime tecnologie” sottolineando come “l’organizzazione è felice di introdurre Wi-Fi 6, presentando un nuovo schema dei nomi per aiutare il settore e gli utenti a capire facilmente la generazione di Wi-Fi supportata dai loro dispositivi o dalla connessione”.

Wi-Fi 6 sarà quindi la sesta generazione di connettività Wi-Fi che introdurrà connessioni più veloci, capacità superiori per quanto riguarda il numero di dispositivi connessi ad un singolo router, migliori prestazioni in situazioni di traffico intenso ed una migliore efficienza energetica così da avere una maggior autonomia sui vari dispositivi connessi, come PC, smartphone e smartwatch.
S
econdo i primi dati sperimentali, Wi-Fi 6 sarà più veloce del 40% rispetto al precedente standard, con velocità massime di 2 gigabit al secondo nel trasferimento di dati tra router e dispositivi.
Il Wi-Fi 6 inoltre abbraccerà la tecnologia Target Wake Time (TWT) che permetterà di ottimizzare i tempi di connessione dei vari dispositivi e consentirà di godere di una connessione wireless stabile e veloce anche nelle aree molto affollate.
Il nuovo protocollo è progettato per meglio rispondere alle nuove tendenze tecnologiche in corso, o che si paleseranno in maniera più massiccia nel prossimo futuro.

Share This