È stato inaugurato il portale di consultazione tramite il quale ogni singolo cittadino e realtà interessate potranno esporre le proprie osservazioni in merito al PNIEC, Piano nazionale integrato per l’energia e il clima, documento di ben 238 pagine in cui lo Stato espone quali saranno propri contributi agli obiettivi europei al 2030 sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili e quali invece i propri obiettivi in tema di sicurezza energetica, mercato unico dell’Energia e competitività.
Il PNIEC dovrà entrare, previo ok dall’esecutivo UE,
entro il 31 dicembre 2019 e si struttura secondo 5 dimensioni: decarbonizzazione, efficienza energetica, sicurezza energetica, mercato interno dell’energia, ricerca, innovazione e competitività.
Uno dei principali obiettivi del PNIEC è la copertura, nel 2030, del
30% del consumo finale lordo di energia da fonti rinnovabili e una riduzione dei consumi di energia primaria pari al 43%.
Uno strumento fondamentale che segna l’inizio di un importane cambiamento nella politica energetica e ambientale del Paese verso la decarbonizzazione” ha affermato il ministro allo sviluppo economico Luigi di Maio, aggiungendo che il cittadino finalmente sarà al centro del sistema energetico diventando esso stesso produttore”.
È così iniziata
la consultazione pubblica sul PNIEC che intende offrire a tutti la possibilità di formulare osservazioni, critiche e proposte, nella speranza che questa opportunità data possa concretizzarsi in un’effettiva occasione di confronto sui contenuti espressi dal Piano e di miglioramento del documento.
Le osservazioni dei cittadini, delle imprese, delle associazioni e dei professionisti del settore potranno essere inviate fino al 5 maggio 2019 grazie ud un portale dedicato.
Questo il link https://energiaclima2030.mise.gov.it/

Share This