Le attuali traverse ferroviarie vedono al di sotto dei binari ferroviari dei blocchi di calcestruzzo che provocano provocare rumore, vibrazioni, il cui costo di manutenzione è elevato.
Una start-up tutta italiana fondata, nata nel 2012 da Giovanni Maria De Lisi e incubata all’interno di Polihub, ha realizzato una soluzione innovativa che punta sulla sostenibilità: Greenrail.
Una traversa ferroviaria fatta di pneumatici e plastica riciclata, che riduce l’impatto e genera energia pulita al passaggio dei treni grazie all’integrazione nella propria struttura di moduli piezoelettrici, pannelli solari e sensori intelligenti.
Un traversa resistente la cui durata è superiore a 50 anni.
Una soluzione più sicura, sostenibile e meno costosa, il costo si aggira sui 70 euro a traversa, contri i 98 di media per quelle in calcestruzzo.
il progetto ha incassato i 100mila euro in palio per l’ultima edizione di Edison Start, il premio per neoimprenditori indetto dal gigante dell’energia.
“Greenrail punta su una innovazione tecnologicamente avanzata, legata alla sostenibilità – spiega Giovanni De Lisi, fondatore di Greenrail – e i risultati ottenuti da questa sperimentazione dimostrano che lo sviluppo e modernizzazione delle infrastrutture ferroviarie in chiave innovativa e sostenibile è possibile e costituirà una priorità per lo sviluppo del sistema paese. Una mobilità sostenibile non può prescindere da infrastrutture ferroviarie tecnologicamente rinnovata”.
Il 7 settembre 2018 Greenrail e Ferrovie Emilia Romagna è stato inaugurato a Reggio Emilia il primo tratto pilota.
L’Assessore ai trasporti reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale Raffaele Donini ha dichiarato: “La Regione Emilia Romagna che ha investito moltissimo sulle ferrovie in termini di sicurezza ed innovazione è orgogliosa di essere la prima regione che sta sperimentando questa nuova tecnologia. E’ motivo di orgoglio ma anche di responsabilità, per questo siamo sicuri di voler continuare ad investire nella cura della strada ferrata in termini di sostenibilità ed efficienza perchè quando si hanno dei buoni progetti con delle idee valide come quelle di Greenrail, i fondi per l’upgrade si trovano sempre.”

Share This