Finalmente disponibile dal 19 dicembre anche in italiano la norma UNI15193-1 (in vigore già dal 30 maggio 2017) che specifica “le definizioni, i criteri e le procedure” per lo stato dell’arte dei progetti di illuminazione, pubblica e privata (ambienti interni, ambienti esterni, impianti sportivi, interni ed esterni, impianti stradali, impianti architettonici e monumentali, interni ed esterni, gallerie e sottopassi).
Si applica sia alla realizzazione di nuovi impianti illuminotecnici, sia all’adeguamento e trasformazione di quelli esistenti, e specifica anche il calcolo o la misurazione della quantità di energia richiesta o utilizzata per l’illuminazione degli edifici stessi tramite una metodologia (LENI) come misura dell’efficienza energetica degli impianti di illuminazione negli edifici residenziali e non.
L’UNI rende noto che “la norma non comprende i requisiti di illuminazione, la progettazione di sistemi di illuminazione, la pianificazione dei sistemi degli impianti di illuminazione, le caratteristiche dei prodotti di illuminazione (lampade, dispositivi di controllo e apparecchi di illuminazione) e dei sistemi utilizzati come ‘display lighting’, delle lampade da tavolo e degli apparecchi integrati nei mobili”.
Va ricordato che questa norma non è una legge ma un documento tecnico che fornisce specifiche su come fare bene le cose, secondo lo stato dell’arte, definendo i canoni per la progettazione illuminotecnica.

Share This