In un recente articolo “Una Tesla sul tetto” vi abbiamo parlato di come Tesla si stia interessando anche al mercato dell’energia rinnovabile, in particolare al fotovoltaico.
Per rendere vantaggioso l’investimento fotovoltaico anche Tesla ha ritenuto importante investire in un sistema di accumulo in grado di immagazzinare l’energia prodotta dal proprio impianto nelle ore diurne, per “rilasciarla” quando l’utente ne ha bisogno.
Tesla ha lanciato sul mercato le proprie batterie ad accumulo: TESLA Powerball, un prodotto innovativo e capace di assorbire quello che è l’eccesso di produzione dell’impianto e di metterlo a disposizione la mattina, la sera e durante i picchi di richiesta.
Queste nuove batterie sono state lanciate già nel 2015 sul mercato statunitense e sono approdate in Italia nel 2016.
TESLA Powerball sono batterie agli Ioni di Litio ricaricabili, integrabili con impianti fotovoltaici già esistenti, in grado di accumulare 13.5 kWh di energia elettrica.
Il design è semplice e compatto, I principali punti di forza del prodotto sono rappresentati da un ciclo vitale piuttosto esteso e da una spesa iniziale relativamente contenuta. Il costo infatti viene recuperato nel giro di qualche anno attraverso il risparmio economico che la batteria genera per l’utente.
Grazie all‘app Tesla è possibile monitorare e gestire Powerball in qualsiasi momento in modo semplice ed automatico.
Con le batterie TESLA Powerwall l’autoconsumo potrebbe arrivare fino al 90%.

Share This